SEO o Social? Come migliorare il proprio profilo d’impresa sul web

webSe Darwin aveva ragione affermando che chi sa adattarsi meglio al cambiamento sopravvive, allora il web non rappresenta più soltanto un’arma per le strategie di ogni società, ma un vero e proprio ramo d’azienda. La comunicazione, fondamentalmente, si muove oggi su due binari, a seconda del contesto e delle possibilità: la prima versione di comunicazione, che continua a muoversi con la classica pubblicità (anche se sempre in minor misura), e la versione nuova, via internet. Il web non è più, quindi, un mondo separato, ma è integrato e centrale nella comunicazione di un’azienda.

Su internet si può essere presenti attivamente o passivamente, costruendo un solo sito o moltiplicando la propria presenza attraverso i social network, gli strumenti di blogging o micro-blogging e sperimentando strade sconosciute. Bisogna farlo bene, però, perchè utilizzare male i propri strumenti comunicativi può essere peggio che non averli. Sarebbe come parlare urlando al proprio cliente, o magari presentarsi sudati e con i vestiti sdruciti. Tanto vale stare a casa, no?

Ecco allora la diatriba di questo tempo: meglio social o meglio SEO?

SEO è l’acronimo di Search Engine Optimization, ovvero l’ottimizzazione dei motori di ricerca. L’attività SEO consente un facile reperimento del proprio sito da parte degli utenti che cercano sui motori di ricerca come Google o Yahoo!, e, afferma Wikipedia, “..normalmente determina l’aumento del volume di traffico qualificato (utenti specificamente interessati) che un sito web riceve tramite i motori di ricerca. Tali attività comprendono l’ottimizzazione della struttura del sito e degli url (url optmization), dell’accessibilità delle informazioni da parte dei motori degli utenti, spider (robot and sitemap optimization) sia del codice sorgente (code and error optimization), degli approfondimenti link (link optimization), la presenza delle immagini, della pagina web, sia dei contenuti“. Maggiori visualizzazioni significano maggiore visibilità, pubblicità. Ma anche denaro, se si è collegati ad un account GoogleAdSense, ad esempio.

Per non entrare troppo nello specifico, diciamo che una società può decidersi di affidare la propria “moltiplicazione di utenti” al SEO, anche se in base a un nuovo studio condotto da Ascend2, risulta che le aziende di successo sono riuscite ad integrare i social media nelle strategie di SEO.

L’agenzia di ricerca ha intervistato quasi 600 professionisti di business e di marketing in tutto il mondo, e ha chiesto al gruppo di valutare il successo di SEO delle proprie aziende. L’indagine mette a confronto le risposte del 15% che ha detto di aver ricevuto un grande successo con SEO e il 18% che, al contrario, non ha avuto risultati. Certamente il campione è piccolo, ma l’indagine è stata svolta in tutto il mondo, rendendo quindi la comparazione più veritiera.

La più grande differenza tra i risultati evidenzia l’utilizzo della componente social .Come mostra il grafico sottostante, il 38 per cento di coloro che hanno avuto “molto successo” con SEO stanno facendo ampio integrazione dei social media, rispetto al solo 2% delle aziende che non hanno successo con SEO.

seo-social-1Morale: se volete adattarvi al cambiamento, e migliorare visibilità e comunicazione esterna, affidatevi al web. SEO e social potranno aiutare a incrementare risultati e possibilità!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...