Le dieci città più inquinate del mondo

noriQuando si parla di ambiente spesso ci si dimentica che non parliamo soltanto di verde pubblico, di sanità, di sversamenti di liquami. L’inquinamento globale, che sia la colpa o che sia solo una parte del problema dei cambiamenti climatici, ha dimensioni spropositate, e deriva dalla gestione sconsiderata di territori immensi. Nei giorni scorsi è uscita la nuova classifica aggiornata del Blacksmith Institute, in collaborazione con la Croce Verde Svizzera, che stila una lista sconvolgente dei 10 siti più inquinati del mondo.

I Paesi toccati da questa ben poco gloriosa classifica sono Ucraina, Russia, Indonesia, Argentina, Bangladesh, Ghana, Zambia e Nigeria. Ma ciò che conta è che l’inquinamento di queste proporzioni non intacca solamente il territorio analizzato, ma crea effetti dannosi su tutto il pianeta. A rischio sono dunque 200 milioni di persone, secondo i calcoli dell’istituto, ma anche tutte le regioni circostanti sono potenziali vittime di esposizioni fortemente dannose.

L’Huffington Post rivela: In 10 città di questi paesi le condizioni di vita degli abitanti sono insostenibili a causa di smog e agenti atmosferici nocivi, fra cui il cromo esavalente che ha effetti tossici e cancerogeni, il cromo proveniente dalle concerie e metalli dai processi di fusione. Rispetto al 2007, quando è stato pubblicato l’ultimo rapporto del genere da parte dei due organismi, alcune mete nella top ten sono rimaste le stesse, a testimonianza che gli sforzi fatti per migliorare la situazione non sono stati abbastanza: Chernobyl in Ucraina, Dzershins e Norilsk in Russia e Kabwe in Zambia. I siti aggiunti nell’ultimo rapporto invece sono Agbogbloshie, un sito di smaltimento ad Accra, in Ghana e Kalimantan, in Indonesia, inquinata da una grande quantità di mercurio in seguito all’estrazione dell’oro.

Ecco la lista aggiornata delle città:

Agbogbloshie, Ghana
Chernobyl, Ukraine
Citarum River, Indonesia
Dzershinsk, Russia
Hazaribagh, Bangladesh
Kabwe, Zambia
Kalimantan, Indonesia
Matanza Riachuelo, Argentina
Niger River Delta, Nigeria
Norilsk, Russia

Selezionandone una a caso, si scoprono luoghi lontani e incredibili, ma piuttosto vicini a noi se pensiamo che i materiali che vengono estratti (e che spesso sono la causa di tali livello di inquinamento), sono gli stessi materiali che utilizziamo in mille modi diversi ogni giorno, come componenti del nostro smartphone o computer, come attrezzi, ingranaggi, e così via. Norilsk, ad esempio, è una città russa situata nel Territorio di Krasnojarsk, nella Siberia settentrionale. Seconda città al mondo per popolazione oltre il Circolo Polare Artico, ha una storia particolare, intrecciata con lo sfruttamento minerario. Fondata nel 1935 come Gulag, è diventata famosa come città del Nichel, dal momento che l’area su cui sorge ha qualcosa come 3mila km di gallerie minerarie.

Il clima subartico, con temperature che variano tra i -40 e gli 0 gradi, non è già di per sè confortevole. Inoltre, il territorio della città chiusa (l’entrata non è permessa agli stranieri se non accompagnati da permessi speciali) offre il 35% del palladio, il 25% del platino, il 20% del nichel e il 10% del cobalto di tutto il mondo. Tutto il mondo! Wikipedia riporta: È stato calcolato che l’1% delle emissioni globali di diossido di zolfo provengano da Norilsk. In nessun posto al mondo esiste una concentrazione così elevata di anidride solforosa (SO2), espulso nell’atmosfera dalle fornaci in cui il nichel estratto dalle miniere viene separato ad alta temperatura dalle rocce in cui è mischiato ad altri minerali. Vengono inoltre disperse nell’aria tonnellate di metalli pesanti quali cadmio, piombo, arsenico, selenio e zinco. Ad esempio solo nel 2012 sono state emesse nell’atmosfera quasi 2 milioni di tonnellate di sostanze inquinanti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...