Jihad, investimenti e corruzione sulla One Belt One Road

La Prospettiva del Funambolo

«Se me lo ordinano, uccido tutti». La frase raggelante è di uno dei quattro kossovari arrestati alla fine di Marzo dalla Polizia italiana. Il progetto dei giovani jihadisti residenti a Venezia era quello di piazzare una bomba sul celebre Ponte di Rialto, provocando una strage tra i tanti turisti che affollano tutti i giorni le strade della città lagunare. L’operazione della Polizia è scattata pochi giorni dopo l’attentato a Westminster a Londra, perché “il momento era giunto”.

View original post 1.644 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...